Il giornalismo in emergenza – Intervista a Toni Capuozzo

In materia di giornalismo d’emergenza, davvero in pochi possono dire di avere il percorso di formazione e l’esperienza sul campo di Toni Capuozzo.


Ha vissuto il terremoto in Friuli del ’76, nel suo percorso professionale ha raccontato i conflitti nell’ex Jugoslavia, in Somalia, in Medio Oriente, in Afghanistan, in America Latina e nell’Unione Sovietica. Oggi, via podcast e sui social, ha fatto una cronaca giornaliera della pandemia Covid-19, che ha poi raccolto nella sua pubblicazione “Lettere da un Paese chiuso”.

In questa intervista per About Emergency, riportando diverse testimonianze dirette, ha parlato di cosa significhi per lui comunicare l’emergenza, di come sia opportuno operare nel giornalismo professionale, del rapporto di questo con le fonti di informazione e di cosa aspettarsi se si desidera intraprendere il suo percorso.

Emergono doni preziosi per gli ascoltatori: il pregio dell’onestà, il valore della prospettiva, il peso delle scelte di redazione e quello, determinante, dell’indole personale e la regola aurea “calma e gesso”, ancor più valida in materia di giornalismo, cronaca e narrazione da scenari d’emergenza.

Grazie a Toni Capuozzo.


1 comments On Il giornalismo in emergenza – Intervista a Toni Capuozzo

Comments are closed.

Site Footer

error: Alert: Content is protected !!