Comunicazione d’emergenza e Istituzioni: variabili macro

La comunicazione d'emergenza presenta variabili, opportunità ma anche rischi e problematiche spesso non prevedibili o sottostimati in condizioni di ordinarietà. Se questo fattore di inadeguatezza può essere giustificato nel cittadino comune, magari particolarmente coinvolto a livello fisico e mentale da un'emergenza, va invece limitato il più possibile nelle Istituzioni che rappresentano, in questo frangente, il punto di riferimento per il superamento della stessa e la tutela della cittadinanza.

Continua a leggere

La selezione dei contenuti nella comunicazione d’emergenza

Quali sono le nuove fonti di informazione? Come scegliere notizie e dati da comunicare in emergenza, quando i ritmi sono imposti dalle circostanze? La selezione dei contenuti nella comunicazione d'emergenza è un argomento delicato e ricco di responsabilità.

Dinamiche e strumenti per allenarsi a questo scopo sono il dono della nostra ospite, Clara Attene, giornalista, formatrice e specialista di visualizzazioni di dati. In questa intervista prende il via dall'identificazione delle fonti autorevoli e arriva a suggerimenti pratici e accorgimenti utili da adottare per il comunicatore dell’emergenza.

Continua a leggere

Quali sono i fattori che deve considerare il comunicatore d’emergenza?

L’emergenza è un evento eccezionale, che richiede risposte tempestive poiché mette in crisi un sistema. Il coinvolgimento del singolo, di una comunità, di un territorio, unitamente alla gravità, impone che venga monitorata attentamente l’evoluzione per contenerne gli effetti negativi. Quali sono quindi i fattori che deve considerare il comunicatore d'emergenza?

Dal momento che si tratta di processi con evidenti caratteristiche proprie che ne determinano le varie azioni, tra cui la trasmissione dei flussi informativi, una efficace comunicazione d'emergenza deve tener conto:

  • delle caratteristiche del pubblico, a partire dal riconoscere le tipologie di soggetti interessati
  • della fonte delle informazioni, per determinare l’autorevolezza di quanto viene trasmesso
  • di contenuto e forma della comunicazione, poiché tutto concorre alla riduzione di rischi ulteriori e può favorire comportamenti virtuosi per il contenimento del rischio
Continua a leggere

Site Footer

error: Alert: Content is protected !!